can comfortis and ivermectin be given together does ivermectin give cattle diarreah can you drink on ivermectin how much ivermectin plus to give a swine hedgehog ivermectin fly eggs ivermectina senza ricetta ivermectin pregnant dog

“ONEGHIN”: IL RIFLESSO IN UNO SPECCHIO VENATO DA OPACHI SEGNI DEL TEMPO.

Al Teatro Lauro Rossi di Macerata è andata in scena la coreografia di Paolo Londi “Oneghin”, interpretata da Alessandra Bartoli.

Ritorniamo con grande piacere a Macerata, in settembre, e stavolta nel settecentesco Teatro Lauro Rossi, unica e preziosa testimonianza marchigiana di teatro all’italiana, con una sala che rappresenta una raffinata interpretazione del linguaggio tardo barocco. In questo suggestivo contesto, ospite di una prestigiosa rassegna di danza, assistiamo ad una coreografia di Paolo Londi intitolata “Oneghin”, interpretata da Alessandra Bartoli, danzatrice solista della compagnia del Pescara Dance Festival.

La partitura coreografica si articola con raffinata precisione sulle note di Mozart, caratterizzandosi con movimenti rapidi e decisi, disegni di contemporanea fattura. E come nell’opera di Puskin, da cui la coreografia prende il nome, veniamo immersi nell’atmosfera intima, esistenziale, di un viaggio introspettivo e di cui l’interprete, Alessandra Bartoli, dipinge con eleganza le profonde sfumature, incantando per grazia ed energia. Così Paolo Londi ci parla del suo lavoro:

“ONEGHIN è il riflesso in uno specchio venato da opachi segni del tempo. Lì ci scopriamo osservatori e osservati, indagati, scrutati e spiati, attraverso l’immagine capovolta di una presenza pronta a godere dell’altra, di lì a poco svelata. una figura si incontra e si fiuta con animalesca circospezione riconoscendo le proprie analogie e similitudini. Spettatore e attrice danzante si nutrono reciprocamente dell’esistenza altrui, l’istinto famelico li sorregge e legittima in quel gioco intrigato di presenze riflesse: un patto stipulato per dare e darsi piacere, dove esiste l’uno, appare e irrimediabilmente si afferma l’altro”.

Una formazione presso il Rudra Bejart, poi giovanissimo negli States a ballare con David Bowie, proseguendo con il Boston Ballet con W. Forsythe, il Pennsylvania Ballet, il San Francisco Ballet, Lindsay Kemp e via dicendo, Paolo Londi si fa conoscere ed apprezzare a livello internazionale come coreografo ottenendo premi e produzioni di spettacoli in varie parti del mondo. Una laurea all’isef ed una intensa attività coreografica e di direzione artistica di premi, festival e concorsi, crea coreografie per i primi ballerini della Scala di Milano ed altri celebri danzatori quali Luciana Savignano, Sabrina Brazzo, Silvio Oddi, Andrea Volpintesta, Simona Atzori solo per citarne alcuni. Nel 2004, dal Pescara Dance Festival di cui è direttore artistico, crea una sua compagnia, a cui ha affiancato di recente l’accademia di arti visive e performative “Ermitage”, una realtà di riferimento per il centro Italia che si propone di promuovere un’arte coreutica libera e nuova, già con diverse produzioni al suo attivo.

Il video dello spettacolo: https://youtu.be/q-cCOrpkvCU

Paola Sarto

Fotografie di Massimo Danza

“I CORPI POETICI” DI PAOLO LONDI: UN VIAGGIO NELLA PUREZZA DELL’ARTE PLASTICA GRECA E LE SUE SUCCESSIVE TRASFORMAZIONI.

A Macerata, nella cornice del settecentesco palazzo Buonaccorsi, tra i suggestivi affreschi mitologici della sala dell’Eneide, è andata in scena l’opera di Paolo Londi, una installazione coreografica ispirata alle forme classiche della scultura greca.

Metti un agosto a Macerata, di capitare tra il Festival OFF ed il Macerata Opera Festival. E metti che hai la fortuna di imbatterti in uno degli spettacoli più originali degli ultimi tempi, ideato dal coreografo Paolo Londi. Una esperienza insolita, un viaggio nella purezza delle forme che ha reso immortale l’arte plastica greca.

L’appuntamento è per il 9 agosto, nel cortile del settecentesco Palazzo Buonaccorsi, un gioiello architettonico della scuola del Bernini. Il pubblico, una volta raggiunto il numero massimo di persone ammesse nelle sale museali, viene invitato a salire le ampie scale del palazzo ed arriva al piano nobile, oggi nuova sede dei musei civici che ospita la raccolta di arte antica.  Qui, sulle note del violino di Enrica Morbiducci, veniamo accolti da tre danzatrici che con movimenti plastici ci invitano a seguirle attraverso le sale affrescate, fin verso la monumentale galleria dell’Eneide, una splendida sala arricchita da una serie di dipinti ispirati al poema virgiliano. Ha inizio lo spettacolo.

A dar vita a questa performance i danzatori della compagnia del Pescara Dance Festival e dell’accademia Ermitage di Macerata: Alessandra Bartoli, solista della compagnia, Gabriel Marcel, Domenico Rijillo Gloria Carobini ed Enrica Carla Gioia Sabella, con la regia e le coreografie di Paolo Londi. I corpi nudi, interamente dipinti di bianco, eseguono figure archetipiche, statue viventi che aprono allo spettatore una finestra sui segreti della loro forma, che non patisce più staticità ma rivela l’anima di cui è simbolo silente. In scena una piramide, un parallelepipedo, richiamano elementi stilizzati di civiltà passate, grembi originari.

Musiche antiche, riprodotte fedelmente, accompagnano la performance, le figure cambiano e si intersecano, sembra di veder affiorare dei ed esseri mitologici, animali fantastici a più teste e più gambe, centauri e sfingi.  Ma improvvisamente avviene qualcosa di inaspettato, in scena entrano i colori: le statue ne vengono incantate ed iniziano a cospargersene, prima ciascuna su di sé, poi tra di loro, in un crescendo di esaltazione cromatica che sfocia in un rituale orgiastico. La musica è cambiata, il suono di un violino accompagna la voce (di Sara Spernanzoni) che declama alcuni versi in latino tratti dall’Eneide di Virgilio, la purezza del bianco ormai è violata, sovviene la carnalità del colore: è il passaggio alle prime contaminazioni materialistiche della civiltà romana.

Le statue, ebbre di colori, rientrano ora nei templi e ritrovano la loro immobilità, stavolta non più carica di sacro mistero, l’anima ha conosciuto la carne. Rimane tuttavia un’unica statua, ancora immacolata, a custodire il segreto della forma e della bellezza, la continuità dell’Arte, unica e vera, attraverso le innumerevoli contaminazioni delle diverse epoche storiche.

Uno spettacolo che lascia incantati, tante sono le immagini che riesce ad evocare, i richiami ad archetipi di collettiva memoria, e suggestioni di storia intrecciata al mito. Un plauso alla compagnia di danzatori, eccezionali per intensità interpretativa ed una speciale menzione per Alessandra Bartoli, altamente espressiva, e poetica.

Paola Sarto

video di Paola Sarto con l’estratto dello spettacolo: https://youtu.be/V1TPKh0A0Hg

Foto di Massimo Danza