ivermectin injectable for pigs withdrawl ivermectin not available in canada ivermectin pour on for llamas ivermectina precio walmart ivermectin pour on wormer for cattle subcutanieus ivermectin injection ivermectin horse cream for rosacea

Chi sono

Massimo Danza, fotografo.

Sono un fotografo professionista dal 1985.                                                                            

 

 

 

 

 

 

 

Durante questi anni di lavoro ho  seguito vari settori della fotografia e questo ha allargato notevolmente i miei orizzonti.

Gli still-life  per la pubblicità hanno affinato le mie tecniche d’illuminazione.

I ritratti che ho fatto, per tanti anni a politici ed attori, per i maggiori magazine italiani e stranieri, hanno contribuito a sviluppare la mia sensibilità per la complessità umana.         

 

 

Gli anni di professione come foto-reporter, anche da “paparazzo” e fotografo d’attualità, persino in guerra, mi hanno insegnato la velocità dello scatto, ad agire prima di pensare, e che l’attimo “giusto” per una fotografia è unico ed irripetibile. “Calpestare” i set ed i palcoscenici di tutta Italia,  per raccontare il nostro cinema ed il nostro teatro, mi ha avvicinato al mondo artistico.

Infine, solo in ordine di tempo, la passerella dell’alta moda a Roma e della moda in generale, se pur più contenuta rispetto ad altre esperienze, mi ha dato il gusto del bello e del glamour che non guasta mai.

 

 

 

 

 

 

Per parecchi anni ho insegnato fotografia b/n chimica (quella con le bacinelle per intenderci) con una libera docenza presso “l’Istituto Superiore di Fotografia Comunicazione Integrata”, e mi è rimasta la propensione ed il piacere di insegnare ai giovani.

La fotografia coreutica è subentrata per caso nel mio lavoro, per fare un “favore” ad un amico. Ed è scattata immediatamente una passione che mi ha portato in breve tempo ad abbandonare tutti i settori della fotografia per dedicarmici completamente con passione e dedizione.

E’ come se danzassi assieme agli artisti: trattengo il respiro per quell’attimo quasi inesistente dell’apice di un salto, dell’apogeo della gamba, che è l’unico vero momento da immortalare.